Follow by Email

venerdì 30 agosto 2013

Praticamente.... ci siamo!

Domani mattina piazzo la bici in macchina, carico borse borsine e borsette e mi dirigo nella splendida località di Lavarone. Ho deciso di dormire in loco per potermi svegliare ad un orario decente e non farmi venire le ansie poche ore prima della gara. Ho prenotato una stanzetta all'hotel "AL LAGO" proprio in zona partenza, comodo comodo. Quali sono le aspettative per questo week end sportivo? Innanzitutto spero di conoscere un po' di gente, soprattutto gli atleti della mia squadra che ancora non conosco; mi auguro di divertirmi parecchio sia durante la gara che nei momenti di contorno; poi per quello che riguarda le prestazioni, direi che mi aspetto principalmente di arrivare fino alla conclusione e di arrivarci in condizioni decenti. Nessun altro obiettivo per questa gara! Fra l'altro, le previsioni del tempo per quella giornata, danno pioggia, quindi altro obiettivo è quello di non schiantarsi in bici in qualche umida discesa visto che sono un ottimo ricercatore di situazioni imbarazzanti e pericolose. Provo ad indovinare i tempi delle varie frazioni per poi confrontarli quando avrò i dati ufficiali. Nuoto: 15 min con incognita temperatura lago e muta, bici 45 min con incognita salite e discese (non credo che sarà un tragitto pianeggiante a Lavarone), corsa 25 min con incognita stato di salute dopo nuoto e bici. Credo mi farò molti amici nei punti ristoro e per i quali aprirò un post dedicato (titolo: viaggio nei punti ristoro) perchè sono dei luoghi mistici in cui può accadere di tutto e in cui puoi incontrare soggetti appartenenti ad altre galassie. Ci siamo quindi, inizia il film, buona visione a tutti! Tanto vi dovevo, Davide

giovedì 29 agosto 2013

Si può andare a 30 km/h!!!

Partendo dal presupposto che non so una bella fava di ciclismo se escludiamo le pedalate con la holland nera e cestino in centro a Verona; mi domandavo in questi giorni antecedenti la gara se sarò mai in grado di tenere il ritmo di 30km/h per circa 20 km. Fino ad ora ho sempre fatto uscite su percorsi con salite micidiali che non mi hanno mai dato la vera prospettiva della mia preparazione atletica. Ieri quindi sono andato sul circuito San Michele-Montorio costuituito da un anello di circa 10 km (da fare 2 volte) per testare le mie capacità. Nonostante il traffico e la mia inadeguatezza alla guida ve lo posso dire: si può andare a 30 km/h per 20 km filati. Sinceramente vi dico che alla conclusione avevo lo stesso sorriso di un bambino la mattina di santa Lucia. Adesso c'è da capire se la scia con qualche altro atleta possa darmi anche qualche altro vantaggio in termini cronometrici e se la nuotata, che precederà questa frazione, mi stancherà così tanto da non permettermi questi tempi. No problem, oggi sono felice per il traguardo raggiunto, il resto si vedrà. Piccolo appunto: ho scoperto che i ciclisti quando si incrociano per strada si salutano tutti (o quasi) e io sto diventando il campione del mondo di saluto su bici. Saluto tutto ciò che si muove su due ruote come se non fossi mai uscito di casa per millenni. Tanto vi dovevo, Davide

lunedì 26 agosto 2013

Punto della situazione

Domenica c'è l'esordio e gli allenamenti procedono come da programma, anche se si potrebbe fare sicuramente qualcosa di più. Giovedì ho provato i 1500 in vasca visto che ho trovato una bella corsia tutta per me e poi mi sono fiondato per un 8 km circa di corsa ben sostenuta, eccellente! Il giorno dopo ho tentato la scalata in bici della lessinia. Sono partito con l'intento di raggiungere Cerro veronese situato a 700 m circa s.l.m. ma una volta arrivato in piazza mi sentivo veramente bene e ho deciso di provare ad arrivare fino a Bosco Chiesanuova. Perchè? Perchè la segnaletica indica solo 4 km di distanza. ok, ma dovrebbero fare della segnaletica per ciclisti e avvertire che sono si 4 km ma con quelle salite sono come 15. Comunque, raggiunta Bosco a 1.100 m.s.l. alle ore 14. Sensazioni? Fame, sete e distruzione generale. Ma in piazza centrale della chiesa noto la scritta "Augustiner-Bräu München". F A V O L O S A! Sarei rimasto seduto al bar per sempre. Una volta tornato a casa ho registrato 60 km circa che per ora è la distanza più lunga in bici mai percorsa ma che vale sicuramente ben più del dato in sè. Ultima considerazione, l'estate pare avermi abbandonato nel momento più importante. Caspita devo fare una gara di nuoto in un lago in montagna e la temperatura che fa? si abbassa di almeno 10 gradi! Che poi a Lavarone, se continua così, sarà proprio una bella cornice da "tana delle tigri". Per l'occasione spero di portare a casa anche un bel book fotografico della gara. Tanto vi dovevo, Davide

lunedì 19 agosto 2013

Gran nuotata

La doppietta di ieri mi ha un po' stancato e stasera non avrei mai creduto di riuscire ad allenarmi in vasca. E invece... e invece mi sono fiondato allo Sporting, ho trovato una bella corsia tutta per me e ho sfoggiato una prestazione di tutto rispetto. Bel riscaldamento e parecchie ripetute sui 50, 100, 150, 200 m. Ora sono a casa che aspetto l'arrivo del diluvio universale e sto pensando se scendere in gelateria e farmi una bella coppetta con mascarpone/nutella e stracciatella. Che faccio? Vabbè non pensiamoci. Domani mattina è prevista corsa con ripetute sui 200, 400 600, 800 per non so quante volte. La corsa al mattino è drammatica sia per il sonno che si ha addosso che per le ginocchia che non ne vogliono sapere di sciogliersi prima di 2 ore ma la colazione diventa un momento eccezionale. Fame micidiale con una sorta di assegno in bianco per poter mangiare tutto quello si trova in frigo. WOW! Tanto vi dovevo, Davide

domenica 18 agosto 2013

L'avvicinamento a Lavarone.

Il comitato organizzatore del triathlon sprint di Lavarone ha dichiarato su facebook che non è possibile sapere in anticipo se si dovrà utilizzare la muta o meno. Bene! Questo mi ha fatto ricordare che io la muta nemmeno ce l'ho e che sarebbe un peccato andare fino in provincia di Trento per poi dover tornare a casa senza nemmeno iniziare la gara. Quindi mi sono fiondato da Decathlon per sistemare la situazione e cercare di non spendere un granchè. La muta adesso ce l'ho e ho speso poco più di 20 euro ma nutro parecchi dubbi sulla funzionalità dell'attrezzo, un po' perchè la muta è strettissima, un po' perchè è fatta a maniche corte che potrebbero inficiare la nuotata, un po' perchè non so nemmeno di che materiale sia e se possa fare troppo caldo durante la nuotata. No problem! Giovedi o venerdi andrò sul Lago di Garda a testarla e vedere se tagliare le maniche. Andrà sicuramente tutto bene! Passando agli allenamenti voglio sottolineare l'allenamento di stamattina con un 1,5 km di nuoto e 11 km di corsa. Se in vasca niente di che, la corsa è stata una prestazione di tutto rispetto, con gli ultimi 6/7 km fatti sull'asfalto incandescente nelle ore più calde della giornata. Qualche svarione mi ha fatto leggermente preoccupare soprattutto quando ho iniziato a visualizzare fontane di acqua corrente dove invece esisteva solo un deserto di asfalto. Tanto vi dovevo, Davide.

martedì 13 agosto 2013

Ha così inizio.....

Signore e signori inizia l'avventura di blogger! Sentivo tanto il desiderio di raccontare il mio "mondo triathlon" perchè lo vedo così tanto colorato e ricco di situazioni particolari, che sarebbe stato un peccato non donarlo alla rete. Vi saranno anche momenti di digressione, infatti il blog non a caso si chiama Triathlon e DINTORNI, per qualche storia di rara bellezza che caratterizza le mie giornate. Che dire.... pronti partenza via! Legenda per chi non sa una fava di triathlon: il triathlon è una disciplina multisportiva che prevede per prima la frazione a nuoto, a seguire la frazione di bici e poi la corsa. Le distanze possono variare ma le gare che intendo fare io sono il triathlon sprint (750 m nuoto, 20 km bici, 5 km corsa) e il triathlon olimpico ( 1,5 km nuoto, 40 km bici, 10 km corsa). Nel caso in cui mi invasassi potrei tentare l'approccio alle gare di mezzo ironman e/o di ironman ma lascerei perdere questi discorsi inutili viste le mie attuali condizioni fisiche. Partiamo quindi con il primo obiettivo stagionale (e di sempre): TRIATHLON SPRINT DI LAVARONE (TN) il giorno 1 Settembre che è fra pochissimo... mi sembra di rivivere le orende ( e la mancanza della seconda erre è voluta) sensazioni delle scuole superiori in cui dovevo studiare intere enciclopedie la sera prima dell'interrogazione senza mai vedere una sufficienza dopo l'esame. Così è la mia preparazione attuale per la gara che mi vedrà "protagonista" nel trentino. Vi allego il link (se ci riesco) perchè vale la pena dare un'occhiatina ai posti meravigliosi in cui sarò impegnato a sgobbare e dove spero mi dedicheranno una via, una curva o un albero visto che ci lascerò sicuramente le penne! Se dovesse per sbaglio accadere che riuscissi a ricavare una prestazione decente in questa gara, allora il secondo obiettivo diventerebbe in automatico il TRIATHLON OLIMPICO DEL LIDO DELLE NAZIONI (FE) il 22 Settembre, parlo ovviamente del 2013. Prossimo allenamento domani: combinatone nuoto - corsa visto che mi trovo il pomeriggio libero e visto che è parecchio tempo che non ho delle visioni ultraterrene. Concludo con il dire che il blog attualmente è privo di foto in quanto possiedo solo foto di me che sto in relax al mare o al bar a bere il nettare di luppolo, quindi ho evitato.... A breve nuovissime foto con tutina di bici da corsa del Circolo Unicredit di Verona , con divisa da corsa e azzarderò qualche immagine in costume e cuffia. Che dire, benvenuti e buon divertimento! Tanto vi dovevo, Davide.